sistema cannabinoide

Il Sistema endocannabinoide animale

Il sistema endocannabinoide fu una scoperta rivoluzionaria

Il sistema endocannabinoide (ECS) è presente in molti animali, simile a come si trova nei mammiferi, compresi gli esseri umani. Questo sistema svolge un ruolo chiave nella regolazione dell’omeostasi e nell’adattamento del corpo agli stimoli ambientali.

Gli animali, come: cani, gatti, cavalli e altri mammiferi, possiedono recettori cannabinoidi e vengono prodotti naturalmente endocannabinoidi e enzimi coinvolti nel loro metabolismo.

Scoperte iniziali

Mappatura dei recettori

Cannabinoidi endogeni

Implicazioni terapeutiche

Sistema endocannabinoide del cane

Le funzioni del sistema endocannabinoide negli animali sono simili a quelle negli esseri umani e includono la regolazione dell’appetito, del sonno, della risposta immunitaria, del dolore e dello stress

Sistema endocannabinoide del cane

Anche i cani possiedono un sistema endocannabinoide (ECS), simile a quello presente negli esseri umani e in molti altri mammiferi. Il sistema endocannabinoide dei cani è coinvolto nella regolazione di varie funzioni fisiologiche, simile a come avviene negli esseri umani. Questo sistema è composto da recettori cannabinoidi, endocannabinoidi prodotti naturalmente dal corpo e enzimi coinvolti nel loro metabolismo.

Il sistema endocannabinoide del cane svolge un ruolo importante nel mantenere l’omeostasi, regolando processi come l’appetito, il sonno, la risposta immunitaria e la gestione dello stress. Inoltre, può influenzare la percezione del dolore e avere effetti sul sistema nervoso centrale.

La scoperta di questo sistema nei cani ha portato all’interesse per l’uso di cannabinoidi, come il cannabidiolo (CBD), per scopi terapeutici negli animali domestici. Il CBD è stato oggetto di studi per valutarne il potenziale nel trattamento di disturbi come l’ansia, il dolore cronico, l’infiammazione e le convulsioni nei cani.

È importante sottolineare che l’uso di cannabinoidi nei cani dovrebbe essere supervisionato da un veterinario, poiché la sensibilità ai cannabinoidi può variare tra gli individui e potrebbero esserci rischi associati all’assunzione incontrollata di tali sostanze.

Conclusione

La scoperta del Sistema Endocannabinoide ha non solo aperto nuovi orizzonti nella ricerca scientifica ma ha anche dato una base scientifica all’uso medicinale della cannabis, usata per millenni dalle diverse culture del mondo.

Tuttavia, quello che è chiaro è che il sistema endocannabinoide rappresenta una delle più fondamentali strutture biologiche per mantenere la salute umana e l’omeostasi.

Oltre alla sua funzione nel regolare il dolore, l’umore, l’appetito e altri processi fisiologici, il sistema endocannabinoide è cruciale per la regolazione del nostro stato di benessere generale, o come gli antichi medici lo avrebbero chiamato, la nostra “costituzione”.

Carrello
Torna in alto