pianta di canapa sativa in fiore

Cannabis legale: cosa dovresti sapere

Perchè cannabis light? Rapporto tra CBD e THC Il CBD è psicoattivo? Effetti collaterali del CBD

Da quando la cannabis è tornata sotto i riflettori e sopratutto è diventato legale coltivare la canapa sativa L. ed è stato un vero Boom, una crescita inaspettata che però non è andata di pari passo con la ricerca scientifica e la cultura.

Oggi a tutti i livelli c’è ancora poca informazione sull’argomento, ancora si sente paragonare la “marijuana” con la cannabis light.

La cannabis legale contiene alte quantità di CBD, un cannabinoide con grande potenziale terapeutico, utilizzato molto spesso per rilassarsi e contrastare lo stress accumulato.

Pensare alla cannabis solo come a CBD e THC è molto riduttivo… nella canapa esistono circa 100 cannabinoidi e svariate altre sostanze benefiche che ancora non sono state del tutto studiate.

Perchè cannabis light?

Con light s’intende la cannabis con basso principio attivo di THC, di tetracannabinolo, dove basso è per legge 0.5%

Light è più un dispregiativo,perchè si à troppa importanza al THC, come se la canapa fosse fatta solo di THC, CBD un pò di cera e clorofilla…

Light deriva in parte dall’immagine culturale data alla cannabis, una droga che “stona” – quando invece è sempre stata una pianta officinale presente nelle farmacopie di tutti i paesi.

Rapporto tra CBD e THC

In natura il rapporto massimo tra THC e CBD è di 1 a 25

Se ne deduce che un’infiorescenza con 0.5% di THC il limite legale, avrà una percentuale di CBD di 15% circa, salvo rare genetiche specifiche ad elevato contenuto di CBD.

Molti consumatori che si approcciano al CBD, e tendono a cercare le infiorescenze di cannabis con il valore più alto di questa sostanza, cadendo però “vittima” di un abbellimento eccessivo più che qualità.

Il CBD è psicoattivo?

Assolutamente no – il CBD non è una soatanza psicoattiva, anzi la scienza ci dice che contrasta gli effetti psicotropi del THC andando a ridurre “lo sballo”…

Volendo fare un pò di chiarezza, il cannabidiolo produce effetti rilassanti mentre il THC provoca effetti cerebrali, se assunto in alte eprcentuali si potrebbe incorrere in cambiamento di umore, anche stati d’ansia.

La cannabis light se assunta, non provocherà effetti mentali, anche perchè il basso contenuto di Tetracannabinolo non produce di per sè effetti psicotropi.

Effetti del CBD

Il cannabidiolo è un cannabinoide studiato in campo medico per i numerosi effetti terapeutici, principalmente rilassa e aiuta l’organismo a rispondere allo stress ed ansia, ideale per la sera per aiutare ad addormentarsi.

per:

  • contrastare il dolore, provocato da infiammazioni o artrire
  • contrastare ansia, disturbi del sonno, attacchi di panico
  • migliora il recupero fisico e muscolare
  • aiuta a contrastare il dolore provocato da sclerosi multipla
  • lenisce i sintomi delle malattie neurologiche e contrasta malattie neurodegenerative
  • lenisce e contrasta il mal di testa, anche cronico
  • e molto altro…

Il CBD ha effetti collaterali?

Il nostro corpo tollera bene il cannabidiolo, grazie all’interazione con il sistema endocannabinoidei: secondo una recente ricerca se ne potrebbe assumere fino a 1500 mg al giorno, è un alto dosaggio.

Si possono verificare effetti collaterali di lieve entità: può provocare secchezza nella bocca, sonnolenza e nei casi di estrema sensibilità del nostro ECS anche lieve nause e vertigini.

Carrello
Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi