olio di canapa per gatti

CBD per Gatti – A cosa serve l’olio di canapa?

Che benefici da l’olio di canapa per gatti?

I gatti sono animali magici che accompagnano l’uomo fin dagli albori della civiltà, ne siamo affezionati e quando si ha il proprio animale domestico in difficoltà è normale cercare soluzioni per aiutarlo.

L’olio di canapa per gatti e l’estratto CBD, possono essere soluzioni integrative per aiutare il gatto nel regolare stati fisiologici alterati da disturbi o patologie. In questo articolo spiegheremo i benefici dell’olio di canapa e del CBD, le differenze ed il dosaggio.

LOlio di canapa per gatti a cosa serve

Benefici CBD gatto

Dosaggio CBD gatti

Come somministrare il CBD

Olio di canapa per gatti a cosa serve

I cannabinoidi sono stati ammessi nella medicina veterinaria grazie ai i loro effetti analgesici ed antiemetici, ma un elevato numero di studi ha indicato anche proprietà antitumorali.

L’essere umano e gli animali sono dotati di un sistema endocannabinoide e cannabinoidi come il cannabidiolo agisce indirettamente sui recettori di questo sistema.

Il CBD nello specifico non agisce su una particolare patologia del gatto ma è una sostanza bioattiva che regola il sistema ECS, andando a riportare equilibrio nei recettori inibiti dal disturbo o patologia, favorendo la naturale risposta dell’organismo all’evento.

Funzioni del sistema endocannabinoide nei gatti

Il sistema endocannabinoide del gatto, come nell’uomo svolge un ruolo chiave nella regolazione di moltissime funzioni nel mantenimento dell’omeostasi.

Tra le funzioni principali di nostro interesse troviamo:

  • La regolazione del dolore
  • L‘appetito
  • La qualità del sonno
  • L’equilibrio del sistema immunitario
  • La risposta alle infiammazioni

Negli animali ma in particolare nei gatti, può inoltre influenzare anche la regolazione della temperatura corporea, la motilità intestinale e altre funzioni fisiologiche.

Quali sono i benefici dell’olio di canapa per il gatto?

L’olio di canapa è ricco di omega 3-6 ed altri oligoelementi che contribuiscono alla salute del gatto grazie alle ottime capacità antinfiammatorie e antiossidanti, che hanno un’azione ed effetto limitato.

L’estratto di canapa, il fitocomplesso della pianta, contiene invece cannabinoidi, terpeni e flavonoidi , sostanze che hanno molte proprietà benefiche utili per un approccio fitoterapico.

Benefici CBD per gatti

Sono sempre di più le ricerche scientifiche che riscontrano effetti benefici sulla gestione dell’ansia del dolore e degli stati infiammatori nel gatto da parte del CBD, ecco i principali utilizzi:

  • Supporto sull’ansia, l’effetto calmante e ansiolitico aiuta a ridurre l’ansia e lo stress nel gatto
  • Gestione del dolore, le proprietà analgesiche del CBD possono contribuire a ridurre la percezione di dolore cronico nei gatti con patologie dolorose o gatti anziani.
  • Regolazione dell’appetito, utile a stimolare l’appetito nei gatti che lo perdono a causa di malattie o trattamenti medici.
  • Azione antinfiammatoria, può aiutare a ridurre l’infiammazione legati ad alcuni disturbi o patologie.
  • Supporto al sistema immunitario, gli effetti immunomodulatori del CBD contribuiscono a rafforzare il sistema immunitario del gatto.

Benefici CBG per gatti

Il cannabigerolo (CBG) è un altro cannabinoide non psicoattivo del fitocomplesso della canapa, è una sostanza meno conosciuta del CBD ma non per questo meno importante.

L’azione del CBG non è solo sui recettori del sistema endocannabinoide, come fa il CBD, ma agisce direttamente sui neurotrasmettori dell’ansia e del dolore, è inoltre un ottima azione antinfiammatoria, specialmente per disturbi o patologie all’apparato gastro intestinale e urinario. Da una recente ricerca italiana,

Il cannabigerolo è una sostanza fitoterapica molto utile, che può svolgere un’azione sinergica con il CBD, dando benefici più completi e potenzialmente più rapidi.

Terpeni e Flavonoidi

Quando l’olio CBD, l’estratto di canapa, è a spettro completo o ampio, contiene all’interno molte di queste sostanze benefiche. I flavonoidi sono ottime sostanze antiossidanti, le cannaflavine sono inoltre potenti antinfiammatori.

I terpeni invece sono molecole aromatiche, alcuni di essi sono particolarmente studiati per le loro porpietà farmacologiche, i terpeni che si potrebbero trovare in un estratto CBD sono:

  • Limonene
  • Terpinolene
  • Cariofillene
  • Geraniolo
  • Mircene

Vantaggi rispetto al perognidol

Questo specifico integratore naturale aiuta a migliorare la gestione del dolore da parte del gatto, al suo interno troviamo l’olio di canapa ed alcuni terpeni come il B-cariofillene, sostanze molto utili per , la sua azione per quanto efficace non è completa quanto un estratto di cannabis.

Se poi l’estratto è full spectrum, non solo avremo i potenziali benefici dei cannabinoidi, ma anche di molti terpeni tra cui lo stesso cariofillene e di flavonoidi, in particolare delle cannaflavine.

Il vantaggio dell’estratto di canapa rispetto all’olio è dato da un’azione più completa e potenzialmente più rapida nella risoluzione del disturbo.

Quante gocce di CBD dare al gatto?

Le dosi di CBD possono variare in base al peso, alle dimensioni, la sensibilità e le condizioni di salute del tuo gatto.

Le percentuali di estratto disponibili sono al 5% o al 10% – se il disturbo è di comportamentale va bene il 5%, se fosse il CBD venisse assunto per un supporto alla patologia meglio optare per il 10%.

Dosaggio in gocce CBD per gatti

  • Peso entro 5 kg – dose bassa 0.5 mg | , dose media 1.5 mg | dose bassa 3 mg
  • Peso entro 10 kg – dose bassa 1 mg | , dose media 3 mg | dose alta 5 mg
  • Penso entro 20 kg – dose bassa 2 mg | dose media 6 mg, dose alta 10 mg

Per approfondire il dosaggio puoi consultare un veterinario esperto di fiducia, oppure puoi cheiderci un parere inviado una mail ad info@greenorganicsfarm.it

dosaggio cbd per gatti

Come dare CBD al gatto?

Si può somministrare il CBD ai gatti mescolandolo con il loro cibo, puoi aggiungere l’olio di canapa su cibo umido o miscelarlo con quello secco.

Se il gatto fosse sensibile al sapore del CBD e noti una sua certa resistenze a non finire il pasto puoi mettere le gocce di CBD in una piccola quantità di cibo umido o snak particolarmente gustoso per mascherare il sapore e garantirti che riceva l’intera dose.

Somministrazione diretta: Se noti che il tuo gatto non accetta il CBD con il cibo, puoi darglielo direttamente in bocca con la pipetta contagocce della confezione o con una siringa dosatrice. Ci vorrà un pò di pratica e pazienza per far si che l’olio

Se il tuo gatto non accetta il CBD con il cibo, puoi considerare la somministrazione diretta. Usa una siringa dosatrice o una pipetta per depositare l’olio di CBD direttamente nella bocca del tuo gatto. Tuttavia, questo potrebbe richiedere un po’ di pratica e pazienza.

Conclusioni

Per contribuire a migliorare la salute del proprio gatto, integrare nella sua dieta l’olio di canapa e l’estratto, il CBD, può essere molto utile per aiutarlo a risolvere problematiche comportamentali, ma più che altro per dargli un rimedio naturale a disturbi o patologie che potrebbero peggiorare lo stile di vita.

Bibliografia

Corsato Alvarenga I, Panickar KS, Hess H, McGrath S. Scientific Validation of Cannabidiol for Management of Dog and Cat Diseases. Annu Rev Anim Biosci. 2023 Feb 15;11:227-246. doi: 10.1146/annurev-animal-081122-070236. PMID: 36790884.

Yu CHJ, Rupasinghe HPV. Cannabidiol-based natural health products for companion animals: Recent advances in the management of anxiety, pain, and inflammation. Res Vet Sci. 2021 Nov;140:38-46. doi: 10.1016/j.rvsc.2021.08.001. Epub 2021 Aug 8. PMID: 34391060.

Carrello
Torna in alto