olio cbd emicrania

CBD per mal di testa

Cannabis e mal di testa – rimedio naturale molto efficace

Il mal di testa, cefalea o semplicemente emicrania, è un disturbo molto fastidioso per la buona riuscita delle attività diurne – può essere anche molto doloroso.

I mal di testa più comuni hanno sintomi differenti e sono inseriti nel macro-insieme chiamato “cefalee primarie“:

  • Emicrania, dolore di medio-alta intensità, pulsante, localizzato nella regione frontale, ma può espandersi vino alle tempie, colpisce principalmente le donne, principalmente legato a scompensi ormonali durante il ciclo mestruale.
  • Cefalea Tensiva, dolore medio-bassa intensità molto persistente, spesso inizia appena svegli e dura fino a sera, si localizza nella parte posteriore, la zona occipitale.
  • Cefalea a grappolo, dolore lancinante ad alta intensità, si localizza nella zona laterale al pari degli occhi, può portare arrossamenti del viso, lacrimazione e congestione nasale.

Cause scatenanti

Legame tra mal di testa e stress

CBD e mal di testa

a href="#cbd">Cannabis e mal di testa

Olio CBD emicrania

Mal di testa da infiammazioni

cbd mal di testa

Cause del mal di testa

I mal di testa nascono come conseguenza a specifici eventi ed accumuli:

  • Postura scorretta durante il lavoro, una posizione sbagliata, nel lungo tempo è deleteria, specialmente in inverno con sbalzi di temperatura + umori fermi possono provocare fastidiose emicranee. Posture sbagliate in ufficio davanti al PC – possono portare alle dolorose cefalee a grappolo o emicrania oftamilca che oltre al dolore diminuisce la vista.
  • Infiammazioni cervicali o schiacciamento di specifici nervi o muscoli cranio facciali, spesso dovuti a traumi o un’esposizione prolungata al freddo.
  • Squilibri ormonali, come i problemi alla tiroide o la menopausa, le donne possono essere soggette all’emicrania durante il periodo del ciclo mestruale – se frequente è spesso un sintomo della sindrome pre-mestruale.
  • Stress ed Insonnia, quando lo stress diventa cronico e dormi meno, viene alterato il ritmo circadiano portando scompensi tra cui emicrania o cefalea tensiva.

Legame tra mal di testa e stress

Le principali cause contemporanee di mal di testa includono lo stress, i disturbi del sonno e l’umore basso o depressione. Lo stress, una reazione psicofisica a situazioni difficili, può accumularsi e causare una serie di disturbi, tra cui ansia e insonnia.

Questi disturbi si alimentano reciprocamente, mentre il mal di testa agisce come un fattore di coesione. Ignorare questo circolo vizioso può portare a patologie psicomatiche e richiedere trattamenti farmacologici che spesso non affrontano la causa sottostante.

Come riconoscere il mal di testa da stress

Concentrati sull’importanza del mal di testa causato dallo stress, poiché è uno dei sintomi più comuni di insonnia e disturbi del sonno, spesso trascurati ma fondamentali per il benessere mentale e fisico.

La cefalea tensiva si verifica a causa di una contrazione continua e involontaria dei muscoli del collo, delle spalle e della nuca, spesso legata a stanchezza e tensione. Si presenta con un dolore lieve e costrittivo simile a una morsa intorno alla testa, che può comparire al mattino o durante la notte, causando risvegli.

L’emicrania può derivare da varie cause, come squilibri ormonali, ma lo stress ossidativo è sempre il fattore scatenante principale. Questo tipo di mal di testa è più intenso e pulsante, inizia nella parte frontale della testa e può manifestarsi con due o tre ondate di dolore acuto durante il giorno, potendo durare anche diverse settimane.

CBD per mal di testa

Il cannabidiolo (CBD), è oggetto di continue ricerche ed interesse per il trattamento del mal di testa, cefalee ed emicranie. Alcune ricerche preliminari sul CBD hanno osservato le proprietà analgesiche e antinfiammatorie che potrebbero aiutare ad alleviare il dolore dell’emcicrania e anche a prevenirla, andando a contrastare alcune cause come lo stress, che possono contribuire a far insorgere questo dolore.

Il cannabidiolo è una sostanza sicura e può essere mescolata con altri rimedi naturali per il mal di testa, la si può assumere in infuso o aromaterapico insieme alla lavanda e biancospino o assunto con l’olio di CBD.

Cefalea tensiva cannabis

La cefalea tensiva è caratterizzata da una sensazione di pressione o tensione costante intorno alla testa, a cerchio, detta anche cefalea a casco, è un mal di testa molto doloroso e spesso cronico, diversi studi hanno visto il cannabidiolo come soluzione alternativa per placare il dolore e ridurre l’infiammazione intorno alla testa.

Come agisce il CBD sul cervello?

Il CBD, agisce interagendo con i recettori del sistema endocannabinoide agendo sui sintomi correlati all’emicrania. I cannabinoidi come il CBD o cannabidiolo, interagiscono con il nostro sistema endocannabinoide andando a equilibrare eventuali scompensi – come un eccessivo stress…

Andandamide e mal di testa

La carenza di anandamide, un cannabinoide prodotto naturalmente nel nostro organismo, è stata associata al mal di testa. L’anandamide svolge un ruolo importante nel sistema endocannabinoide, che è coinvolto anche nella percezione del dolore.

Esiste una connessione complessa tra la vitamina B2 (riboflavina), l’anandamide e l’emicrania, alcuni studi infatti hanno suggerito che le vitamine del gruppo B, sono coinvolte nella sintesi dell’anandamide ed hanno dimostrato che le vitamine B sono sostanze efficaci come prevenzione dell’emicrania, specialmente di quella tensiva.

Ciò significa che una carenza di vitamina B dovuta a disturbi o periodi di forti stress può influenzare indirettamente i livelli di anandamide nel corpo, rendendoci più vulnerabili ai mal di testa.

Come sopperire a questa carenza di endocannabinoidi? ecco che interviene il cannabidiolo…

Cannabis mal di testa

Nel fitocomplesso della canapa non c’è solo il CBD per mal di testa, ma anche altre sostanze potenzialmente interessanti come il cannabigerolo (CBG) può essere un cannabinoidi molto promettente per il dolore alla testa, perché agisce direttamente su neurorecettori del dolore (vanilloide) riducendone la sensibilità, la sua azione è molto più efficace e rapida rispetto al CBD.

Oltre all’azione dei cannabinoidi, nella canapa sono presenti anche altre molecole interessanti per contrastare le emicrania, i terpeni come:

  • Mircene è molto presente nella canapa, lavanda e luppolo, è un ottimo analgesico e facilita l’assorbimento delle sostanza da parte delle cellule neurali.
  • Cariofillene ha notevoli capacità antinfiammatorie ed analgesiche e si comporta come un cannabinoide, andando ad interagire con i recettori del sistema endocannabinoide.

Olio CBD emicrania

L’olio di CBD è il metodo più pratico e standardizzabile per assumere il cannabidiolo, una boccetta di olio CBD puoi portarla ovunque e può esserti utile in caso di un attacco acuto di dolore alla testa.

L’olio di CBD può essere assunto per via orale, mettendo qualche goccia sotto la lingua, il dosaggio di CBD per l’emcirania varia da persona a persona in base alla propria sensibilità e dall’entità del mal di testa, ed infine anche dalla diluzione del prodotto.

In linea generale il dosaggio dell’olio CBD per emicrania va dai 10 ai 50 milligrammi (mg) da assumere direttamente una volta al giorno di mattina o spezzato mattina e sera se l’intento è la prevenzione.

Per far passare un dolore acuto al mal di testa assumi dai 25 ai 60 milligrammi (mg) e aspetta trenta minuti, nel caso ripeti se non ti è passato ma spesso la dose è più che sufficiente.

Qual’è il miglior olio di CBD per emicrania?

Una domanda spinosa, non esiste una formulazione specifica di olio CBD per emicrania: come produttori la nostra risposta è di parte e secondo noi il miglior olio di CBD è quello che può dare un’azione completa non solo legata al CBD ma a tutte le sostanze della canapa. Nella fattispecie intendiamo l’olio CBD e CBG in modo da avere i benefici di entrambi.

Ci sono ancora molti studi sulle interazioni e le dinamiche legate ai diversi mal di testa e quindi utilizzare solo un olio di CBD prodotto con isolato, è un rimedio naturale paragonabile ad un farmaco allopatico (ho un sintomo, ecco la soluzione).

Olio di CBD e emicrania opinioni

Molti utenti che trovano beneficio dall’olio di CBD per l’emicrania sottolineano che il CBD può aiutare a ridurre l’intensità e la frequenza delle crisi emicraniche, nonché ad alleviare altri sintomi associati come nausea e sensibilità alla luce e al suono. Sono molti che inoltre sostengono che l’olio di CBD ha contribuito a ridurre lo stress e l’ansia, fattori che possono essere scatenanti per le emicranie.

Le opinioni dei nostri clienti sono il nostro tesoro più importante, abbiamo molte recensioni verificate su trustpilot che t’invitiamo a leggere.

Conclusioni

Le opinioni sull’uso dell’olio di CBD per l’emicrania possono variare da persona a persona. Alcune persone riportano un sollievo significativo dal dolore e dai sintomi associati all’emicrania utilizzando l’olio di CBD, mentre altre potrebbero non percepire alcun beneficio.

Carrello
Torna in alto