Le principali differenze tra erba e fumo

Mentre l’erba è più adatta a chi si approccia al CBD, il fumo è ideale per gli utilizattori abituali

Le cime di cannabis “l’erba” e il fumo sono entrambi prodotti derivati dalla pianta di cannabis, ma ci sono delle differenze significative tra i due che esploreremo in questo articolo.

Differenze tra fumo ed erba

Cannabis Light

Hashish legale

Differenze tra fumo ed erba

Una volta che avrai letto questo articolo saprai ben distinguere questi due prodotti della cannabsi light, che trovi legali in molti negozi e siti su internet.

Ecco le sostanziali differenze:

  • Forma: l’erba sono i fiori, le cime essiccate della pianta di canapa sativa, i Buds hanno una tipica forma di gemma, compatta a arrotondata, mentre il “fumo” l’hashish è una forma concentrata di resina estratta dai fiori e foglie della canapa e si può trovare pressata o manipolata nella tipica forma di pallina.
  • Composizione chimica: l’erba legale contiene i cannabinoidi, in particolare il cannabidiolo, in forma acida e in parte decarbossilati, oltre a contenere terpeni, flavonoidi, clorofilla e cere, mentre l’hashish, che è un conentrato, contiene principalmente una quantità molto maggiore di cannabinoidi e parte di terpeni per lo più decarbossilati, che hanno un effetto maggiore sull’organismo.
  • Modalità di consumo: L’erba può essere fumata, vaporizzata, mangiata o utilizzata per preparare estratti come l’olio di cannabis. L’hashish invece viene tipicamente fumato o vaporizzato spesso mescolato al tabacco, oppure utilizzato per preparare un Rosin di alta qualità, l’ingrediente principale di un olio di CBD migliore o delle varietà di cime Moonrock. d’altra parte.
  • Effetti: Proprio perché concentrato l’hashish tende ad avere effetti più potenti rispetto all’erba, se il metodo di assunzione è l’inalazione, l’olio di CBD può avere effetti molto maggiori.

La cannabis light

Le cime di cannabis “erba legale” sono i fiori della canapa sativa e rappresentano la parte della pianta che contiene la maggior parte dei cannabinoidi compresi il THC, CBD e CBG, i principali cannabinoidi della cannabis light.

Le cime di qualità superiore sono spesso ricoperte di una sostanza appiccicosa chiamata resina, che contiene elevate concentrazioni di cannabinoidi e conferisce loro un aroma intenso e caratteristico, proprio per questo motivo i buds di cannabis vengono raccolti, essiccati e utilizzati per produrre innumerevoli sottoprodotti, chiamati estratti, come il fumo o l’olio di CBD.

Hashish e Kief

Il fumo è il termine colloquiale che indica un derivato della cannabis, una concentrazione della resina e quindi dei cannabinoidi, esistono moltissimi estratti che si differeziano a seconda del metodo di estrazione e concentrazione.

Viene prodotto attraverso la raccolta e la lavorazione della resina contenuta nei tricomi, che sono le piccole ghiandole resinose ricche di cannabinoidi presenti nei fiori e in percentuali minori nelle foglie della cannabis.

Esistono diversi metodi di estrazioni:

  • Estrazione a secco: è il metodo più antico e naturale per estarre la resina, che avviene per strofinamento o agitazione delle cime di cannabis.
  • Ice o lator: Con questa tenica si estrae i tricomi con l’acqua e ghiaccio attraverso varie sacche di filtraggio o con macchinari specifici i Bubblelator. Questo metodo sfrutta il fatto che i tricomi sono insolubili in acqua ma possono essere separati dalla materia vegetale quando vengono agitati e raffreddati. L’estrazione Ice è la più apprezzata per la purezza della resina e il non utilizzo di solventi.
  • BHO: Questa tecnica di estrazione dei tricomi prevede l’utilizzo di Gas Butano per estrarre la resina, dopo una fase di distillazione epr separare il butano, si otterrà un concentrato “wax”.

L’hashish è la forma compressa di queste estrazioni e può variare considerevolmente in consistenza e aspetto, può essere trovato sotto forma di blocchi o piastre solide, che possono essere marroni, nere, verdi o grigie a seconda del processo di produzione e della qualità della materia prima. Può anche essere venduto in forma di pasta appiccicosa o in polvere “kief“.

Il consumo avviene principalmente per via fumatoria, inalando i vapori prodotti dalla combustione del materiale. Può anche essere vaporizzato, cioè riscaldato a una temperatura sufficiente per vaporizzare i cannabinoidi senza bruciare la sostanza vegetale. Alcune culture consumano anche l’hashish aggiungendolo al cibo o bevande.

Conclusioni

Nonostante l’incertezza normativa, i prodotti derivati al CBD sono sempre di più, anche di hashish legale se ne può ormai trovare tantissime varietà e gusti. Questo genere di prodotti è quello più apprezzato dai consumatori esperti per via dei maggior effetti rilassanti e antidolorifici del CBD rispetto all’erba.

Carrello
Torna in alto