clinofobia

Clinofobia, quanto può esser utile il CBD?

Come risolvere la paura di dormire – il cannabidiolo può contribuire a recuperare il sonno perduto

Potrà sembrare strano, ma si può aver paura di addormentarsi! Si questo disturbo esiste davvero, si chiama clinofobia o ipnofobia, una paura che sta crescendo sempre più tra i giovani, dovuta a tanti motivi diversi che affronteremo in questo articolo.

La paura di dormire è un’ansia che può davvero rovinare il sonno, e come ben saprai, dormire bene è fondamentale per star bene sia fisicamente che mentalmente.

Fortunatamente ci sono trattamenti specifici per affrontare questa paura, ma è importante che chi ne soffre si renda conto dell’importanza di dormire bene per stare meglio.

Sintomi paura del sonno

CBD

Rimedi per la paura di dormire

Paura del sonno: riconoscere i sintomi

La clinofobia è una paura di non dormire ossessiva, una forma di ansia che si manifesta con sintomi tipici: se prima di addormentarti o anche solo quando inizi a pensare al sonno e all’andare a dormire, ti capita molto frequentemente di provare disagio, ansia e stress, potresti essere clinofobico.

Se poi ti resta davvero difficile addormentarti e sei preda di pensieri negativi che possono sfociare in incubi o nella nictofobia, la paura del buio e dell’oscurità, l’ansia del dormire è già in fase cronicizzata: se l’insonnia ti impedisce di trovare tranquillità

Possono anche capitare manifestazioni psicosomatiche come sudorazione fredda, tremori alle mani e palpitazioni nelle forme più gravi.

Tuttavia, non c’è motivo di preoccuparsi eccessivamente, poiché esistono metodi per affrontare e superare questa ansia. È fondamentale identificare le cause sottostanti e poi adottare strategie appropriate per affrontarle.

Cause della Clinofobia

Le cause non sono del tutto chiare, sono spesso un mix di fattori genetici e ambientali.

Esiste una maggior predisposizione a sviluppare queste paure ossessive in chi ha avuto familiari con un cattivo rapporto col sonno, che soffrivano di fobie, ansie e attacchi di panico.

Anche coloro che hanno vissuto direttamente esperienze traumatiche (con successivo stress post-traumatico), incidenti, situazioni pericolose e quant’altro, il PTSD può influire sulla qualità del sonno e ripercuotersi sul benessere del riposo.

I traumi, spesso, riaffiorano sotto forma di incubi o insonnia proprio durante la notte, anche a distanza di anni dall’accadimento.

Come superare la paura di dormire

Il CBD ha un’enorme potenziale nel trattare l’ansia, la sua efficacia è spesso paragonata con ansioltici da banco più o meno potenti, ma oltre ai benefici sulla paura e lo stress correlato, aiuta nel prendere sonno e mantenerlo più a lungo.

Nel contesto della clinofobia il CBD contribuisce a rilassare la mente, favorisce il buon umore e la serenità, grazie alla regolazione della produzione di serotonina (ormone del benessere) che a sua volta riduce il cortisolo (ormone dello stress).

Interagendo con i recettori del sistema endocannabinoide presenti nella ghiandola pineale del nostro cervello, questo cannabinoide aiuta a regolare la produzione di melatonina in concerto con i recettori del ritmo circadiano. Sono molte le ricerche che vedono un aumento della fase del sonno profondo in persone che assumono il CBD di sera.

L’estratto di CBD (olio di CBD) è la soluzione più pratica per favorire il rilassamento serale e sonno, basterà prendere dai 4 agli 8 mg di CBD la sera dopo cena.

Come superare la paura di dormire

Superare la paura ad addormentarsi richiede un approccio graduale e multifattoriale, che va dal prendere coscienza della propria ansia e disagio, cercandone la motivazione ela volontà di risolverla.

Ci possono essere motivi specifici o esperienze passate che alimentano questa paura. Tenere un diario dei sogni o delle esperienze notturne potrebbe essere utile per individuare eventuali trigger.

Creare una routine del sonno è il metodo più consigliato, praticare esercizi di yoga, rilassamento o anche meditazione di sera, aiuta enormente a distogliere la mente dalla paura e se poi si riesce a realizzare un ambiente del sonno sano, senza distrazioni tecnologiche, dormire farà sempre meno paura.

Conclusioni

Se hai paura di dormire o soffri di forme di insonnia dovute all’ansia, il CBD potrebbe aiutarti a trovare una soluzione naturale senza ricorrere a farmaci.

Se poi unisci il CBD ad attività rilassanti, potrai beneficiare di un rilassamento decisamente maggiore.

Bibliografia

Blessing EM, Steenkamp MM, Manzanares J, Marmar CR. Cannabidiol as a Potential Treatment for Anxiety Disorders. Neurotherapeutics. 2015 Oct;12(4):825-36. doi: 10.1007/s13311-015-0387-1. PMID: 26341731; PMCID: PMC4604171.

Carrello
Torna in alto