CBD contro Covid

Il CBD può aiutare a prevenire l’infezione del virus sars covid-19

La canapa, con la sua lunga storia di pianta officinale per l’uomo rivela continuamente il suo potenziale come pianta medicamentosa.

Ricca di una vasta gamma di sostanze e molecole benefiche per la salute e il benessere, la canapa offre più di 70 cannabinoidi, moltissimi flavonoidi, un complesso terpenico che include monoterpeni, diterpeni e triterpeni.

La cannabis contro il Covid-19

Attraverso un’ultima importante ricerca sul CBDA e CBGA della canapa, si è potuto scoprire potenziali effetti benefici nella prevenzione e contrasto dell’infezione provocata dal sars covid-19 e dalle sue varianti.

Le ricerche hanno preso in considerazione questi cannabinoidi sia inalati sia in forma di estratto, constatando che veniva bloccata la trasmissione cellulare del virus (veniva contrastata la capacità del virus di aggredire altre cellule nell’organismo).

Alcune ricerche hanno esplorato il potenziale dell’uso dei cannabinoidi per il trattamento di alcuni sintomi correlati al covid-19, come l’infiammazione e l’ansia, dove si è riscontrato risultati interessanti.

cbd contro covid

Infiammazione

Il cannabidiolo ha ottimi effetti antinfiammatori, che trovano riscontro in molte ricerche. Questa sostanza bioattiva della canapa può agire attraverso diversi meccanismi:

  • Interazione con i recettori CB2,il CBD interagisce con i recettori del sistema endocannabinoide, svolgendo un ruolo chiave nella regolazione dlla risposta ai processi infiammatori.
  • Modulazione della risposta immunitaria, il CBD influenza positivamente la risposta immunitaria riducendo la produzione di citochine infiammatorie e promuovendo la produzione di citochine anti-infiammatorie.
  • Riduzione della neuroinfiammazione, il CBD riduce l’infiammazione nel sistema nervoso, che è implicata in molte condizioni neurologiche e neurodegenerative.
  • Inibizione dell’attivazione dei macrofagi e delle cellule microgliali, il CBD riduce l’attivazione di queste cellule del sistema immunitario che sono coinvolte nei processi infiammatori.

La capacità antinfiammatoria di questo cannabinoide, potrebbe rivelarsi molto utile nel supportare il sistema immunitario nella risposta ad un’infezione e stato infiammatorio ad essa correlato.

Ansia

L’ansia post-covid si riferisce alla persistenza di sintomi dell’ansia dopo aver contratto e superato l’infezione. Questa condizione può colpire sia coloro che hanno avuto sintomi lievi o moderati che coloro che hanno sperimentato forme più gravi della malattia. La paura della reinfezione, effetti collaterali persistenti come (affaticamento, difficoltà respiratorie, nebbia mentale o dolore cronico), trauma per l’impatto emotivo legato all’isolamento, preocuppazioni economiche e sociali. Tanti sono i fattori che possono incidere sull’ansia.

Sono però molti gli studi che vedono il CBD come un ansiolitico naturale, che agisce attraverso vari meccanismi come:

  • Modulazione della risposta allo stress, l’interazione tra il CBD ed i recettori CB2 del sistema endocannabinoide aiutano l’organismo nella risposta all’ansia e stress, regolando i sintomi.
  • Aumento dei livelli di serotonina, il CBD rilassa la mente e svolge un ruolo nella regolazione dei livelli di serotonina e melatonina.
  • Riduzione dell’attivazione dell’amigdala, l’amigdala è una parte del cervello coinvolta nella risposta all’ansia e allo stress, il CBD ne riduce l’attivazione riducendo i sintomi dell’ansia.

Conclusioni

Il Cannabidiolo può rappresentare un’ottima integrazione sui sintomi correlati al covid in particolare per ridurre l’infiammazione e supportare la risposta del sistema immunitario, è inoltre una sostanza particolarmente sicura che può essere assunta con molti farmaci, previa consultazione con professionisti esperti.

Va scritto che al momento attuale, non esiste evidenza scientifica sufficiente per affermare che la cannabis possa essere utilizzata come trattamento efficace contro il covid-19 ma ricordiamo che non c’era evidenza anche per tanti altri farmaci e sostanze che da anni sono disponibili in farmacia….

Bibliografia

Khalsa JH, Bunt G, Maggirwar SB, Kottilil S. COVID-19 and Cannabidiol (CBD). J Addict Med. 2021 Sep-Oct 01;15(5):355-356. doi: 10.1097/ADM.0000000000000771. PMID: 33323690; PMCID: PMC8489583.

Wang B, Li D, Fiselier A, Kovalchuk I, Kovalchuk O. New AKT-dependent mechanisms of anti-COVID-19 action of high-CBD Cannabis sativa extracts. Cell Death Discov. 2022 Mar 11;8(1):110. doi: 10.1038/s41420-022-00876-y. PMID: 35277472; PMCID: PMC8913855.

Carrello
Torna in alto