Cannabis bruciata durante i culti religiosi antichi

Uno studio archeologico ha scoperto che la cannabis in passato veniva usata per riti religiosi!

Un team di archeologici ha scoperto una sostanza ben conservata, in un tempio datato di ben 2.700 anni a Tel Arad in Israele.

Tale sostanza, dopo accurati analisi, è stata identificata come Cannabis, inclusa di THC, il composto psicoattivo.

I ricercatori hanno così concluso che la cannabis fu bruciata dagli antichi israeliti come parte dei loro riti religiosi, forse per indurre i fedeli ad uno stato di relax e benessere.

Dove hanno trovato la Canapa antica?

Il tempio fu scoperto per la prima volta negli anni 60, in Israele nel pieno deserto del Negev, 90 km sud da Tel Aviv.

Nell’ultimo studio, pubblicato sulla rivista archeologica dell’Università israeliana, gli archeologi hanno affermato che due altari di calcare erano stati sepolti all’interno del santuario, grazie al clima secco i resti delle offerte bruciate sono rimasti conservati fino ad oggi.

Questa è la prima prova che le droghe psicotrope vengono utilizzate nella prima adorazione ebraica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello
Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi